venerdì 4 maggio 2012

Quel Pomeriggio Di Un Anno Da Cani

Sì, adesso tutti i media a dire che era solo uno che ha problemi di depressione, che non è successo un cazzo, che erano meno di mille euro (mille euro per una persona in difficoltà, di questi tempi, sono soldini, oppure vi fanno tanto schifo che volete regalarmeli?)...

Però io ho il contatto con loro ogni giorno, gente che non può tenere più in affitto il capannone nel medio complesso industriale, gente che chiude il bnegozietto nel piccolo complesso commerciale, gente chiede degli attestati da portare in banca in cui si dichiara che hanno sempre pagato tutti i debiti..

Io ho paura per gli staff sul territorio,. che non ci vuole un cazzo che uno disperato mi entri dentro con un  fucile a pompa, perchè l'affitto è visto come una tassa e se quelli delle tasse non hanno un volto, almeno chi gli chiede l'affitto ce lo ha, per cui può essere visto come il nemico in carne e ossa.

Intanto le trasse sono belle, le compensazioni sono una parolaccia (che se tu devi soldi allo Stato sei un criminale, ma se lo Stato ti deve dei soldi chi se ne frega, anche se sono maggiori di quanti tu ne devi a lui e zitto e paga) buona solo per i pervertiti, che lo Stato non può tagliare i costi perchè sennò taglierebbe i servizi...

Ok, hanno chiamato il Gabibbo a rivedere i costi dello Stato... ma dott. Bondi, non le era bastato vedere le porcherie dei Tanzi, perchè andarsi a cacciare nelle porcherie di 150 anni di ingordi ingoiatori di moneta.

Ok, siamo su Scherzi a Parte quando chiami Amato a studiare il modo di tagliare i costi delle elargizioni alla politica e al sindacato (la questione più semplice è guardare in Europa - ah... il sogno europeo e tutte le altre boiate buone per i gonzi - e vedere chi ha gli emolumenti più bassi e poi abbassare la cifra di un euro, semplicissimo), Giuliano Amato, sì, proprio lui, il dottor Sottile, Giuliano Amato, direttamente da Plutone, uno che deve studiarsi la politica italiota perchè non l'ha mai nemmeno sfiorata, Giuliano Amato, che dice che non userà i forbicioni, secondo me nemmeno la limetta per le unghie sarà capace di usare, questa volta.

Mi viene davvero il mal di stomaco ogni volta che passo davanti ad un ufficio di Equitalia... sarà un riflesso condizionato.

Spero solamente di non trovarmi dentro un ufficio imposte o dentro uno degli uffici dove vengono a discutere per gli affitti, quando un tizio entrerà dentro urlando "Attica Attica"... e non ho detto se, ho detto quando.

3 commenti:

gundram ha detto...

Hai detto tutto. Una fotografia che riesce a prendere gli ultimi decenni e contemporaneamente il presente dell'Italia vecchia e obesa in cui viviamo.

Non sarai mica uno scrittore fotografo futurista?

No, al massimo passatista... un momento, 'spetta.

Va beh, complimenti per il post, comunque.
In bocca al lupo.

PS
Ma quando vai in culo al mondo non ti lascianom per ricordo il giubbotto antiproiettili?

Anonimo ha detto...

e la colpa?
...morì fanciulla

Attila ha detto...

@Gundram : No, no, non ho bisogno di souvenir in kevlar per ricordarmi i posti di merda...

@anonimo : Una delle più grosse colpe è della mia generazione, me compreso (anzi, io in primis)