martedì 23 ottobre 2012

Psicopatici

Chi mette in galera qualcuno perchè lo accusa di non aver saputo prevedere l'imprevedibile, come può essere chiamato?

Io mi sto aspettando da quell'organo dello Stato che quella porcata scritta da quattro sacrestani e quattro idioti moscoviti vuole indipendente in tutti i sensi (anche indipendente dalla logica) cominci a sentenziare anche su HAARP, i rettiliani, Nibiru, gli illuminati, i cavalieri templari, il chupacabras, la fine del mondo al dicembre di quest'anno, mentre per la questione fondamentale delle scie chimiche penso che già qualche mantellato abbia in serbo qualche graditissima sorpresa.

Diventeremo il primo Paese del Mondo a complottismo reale.

Grazie a quell'istituzione fondamentale dotata di organo di autogoverno... che la sparata del Berluska sui test psicologici non fosse una cazzata a rileggerla a posteriori?

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Infatti sono stati condannati per aver minimizzato l'allarme ed "aver fatto filtrare alla popolazione messaggi tranquillizzanti". la prossima volta leggila la sentenza. Inoltre prova a spiegarlo a quelle persone che rassicurate dal vertice del 31 marzo non hanno lasciato le loro case (qualcuno vivo c'è ancora) e già che ci sei spiegagli pure come mai il verbale del vertice del 31 marzo è stato scritto solo dopo il terremoto.

Attila ha detto...

Caro Anonimo del cazzo, se ad ogni stracazzo di sciame di merda dovessi lasciare casa, potrei vivere tranquillamente in tenda. E' una buffonata, i terremoti di grave intensità non possono essere previsti, quelli di media (come quello de L'Aquila), figuriamoci.

Ti faccio uno stracazzo di esempio di merda, così magari i neuroni cominciano il pigro lavoro del cazzo alla mattina, visto che ieri sera hai fatto le ore piccole sull'internetto: l'evacuazione di un complesso commerciale di medie dimensioni costa circa 500.000 euro per 1 giorno, secondo te quanto costa l'evacuaziuone di una stracazzo di città?
Dove avresti fatto evacuare la popolazione? Quale area avresti fatto evacuare, visto che lo sciame sismico non è puntuale?

Un conto è la prevenzione, che è sacrosanta, un conto è la previsione che è impossibile.

Tranquillizzare, scientificamente, non vuole dire un cazzo.

Ma facciamo un cazzo di passo in avanti: entriamo già sul terreno dell'assurdo ben noto ai nostri supereroi in mantellina nera e cappello buffo, se io sapessi che un terremoto si verificherà in una certa zona (cosa impossibile, come ha dimostrato l'idiota che puntava le sue fiches al radon su Sulmona) e la facessi evacuare, poi il sisma si rivelasse di media intensità con danni non gravi sulle abitazioni (come doveva accadere se le case non fossero state fatte con il culo e se si fossero adeguati i centri storici che per le Belle Arti del cazzo non devono essere sfiorati nemmeno con un fiore, salvo poi cadere a pezzi al primo starnuto), chi cazzo pagherebbe per la bufala?

Me lo sono letto lo stracazzo di foglietto di merda e sarebbe stato meglio non lo avessi fatto, perchè la minima fiducia nei supereroi mantellinati, mi è scomparsa definitivamente.

Contento cazzone di anonimo notturno?

Attila ha detto...

Scusa un'ultima cosa che mi sono perso: tu vuoi in galera delle persone con una condanna per omicidio visto un verbale redatto con qualche giorno di ritardo?

Siamo tutti bersaniani allora : "Le sentenze vanno rispettate... rigore è quando arbitro fischia..."

Anonimo ha detto...

Ciao Attila, secondo me l'unica loro colpa non ha niente a che vedere col penale, o con la legge, questa condanna servirà probabilmente solo a far credere che sia stata fatta giustizia, e avrà la conseguenza che farà perdere di vista i veri problemi che hanno portato al disastro (problemi edilizi, urbanistici, beni culturali, disinformazione o mancata preparazione della popolazione...)e i veri colpevoli. L'unica loro colpa, semmai così posso chiamarla, è professionale, non aver difeso la legittimità dei propri dubbi di fronte alle dichiarazioni pubbliche e perentorie di De Bernardinis. Se te fai un dossier dove spieghi che nulla è prevedibile, non ti girerebbero le balle se poi un terzo usasse proprio il tuo dossier traendone conclusioni diverse e ben sicure? Ben inteso, nulla che abbia a vedere con la giustizia, certo non vorrei essere nei panni di chi ha rilasciato quell'intervista. Mi si gela il sangue a pensare che qualche singolo possa aver deciso, penso in particolare agli studenti, di restare in città dopo quelle dichiarazioni..."ciao mamma, no, non torno, resto perché oggi hanno detto di restare tranquilli, non ci saranno problemi". Erano 6 mesi che convivevano con uno sciame sismico, e se la Commissione non era in grado di prevedere alcunché, mi chiedo piuttosto come mai Protezione Civile e Comuni e Provincia non si siano mossi in nessun modo, nessun modo; è vero, non si può evacuare una città, ma se in quei mesi vi erano comunque segni di danni strutturali ai palazzi del centro storico (sono in contatto con aquilani, erano spaventati proprio vedendo cedere intonaci e cornicioni) veramente non era possibile, da parte delle Istituzioni NON SCIENTIFICHE prendere una decisione per motivi di sicurezza? Intendo per esempio di messa in sicurezza, o evacuazione solo di un certo tipo di abitazioni? Certo, comprendo le ripercussioni di un pensiero del genere, soprattutto da parte di chi detiene attività nel centro storico, ma un minimo di prevenzione sarebbe stata impossibile? Anche solo dare ascolto a quegli studenti e far evacuare la loro maledetta casa? Non dico che potevano evitare la tragedia, mi chiedo però se non potessero LIMITARE il numero delle vittime, anche solo dell'ordine di qualche decina.


Max

Giuseppe Paolo Marta ha detto...

la domanda sorge spontanea,se avevano cosi paura che ci stavano a fare nella casa dello studente?Giusto il 6 Aprile,così per sicurezza. azz! non sapevano che sarebbe stato il 6 Aprile....e ma così non vale!
Ps.mica che ci fanno sapere a chi han dato l'ergastolo per la realizzazione di quella stupenda casa dello studente.no èh?

Attila ha detto...

Max, il punto è che devi indagare su chi ha costruito e chi ha mantenuto l'agibilità su case che "scricchiolavano" oppure, a maggior ragione, su chi ha fatto la stessa cosa su edifici pubblici, non puoi andare a mettere in galeria chi non ha previsto l'evento.

Per cui se metti in gabbia i tizi del genio civile ci può anche stare, ma se metti in gabbia la Commissione Grandi Rischi, li accusi di non avere la sfera di cristallo. Le competenze non sono una puttanata.

Giuseppe : Non sarà stato nessuno a realizzare la casa dello studente, oppure chi l'ha realizzata non sapeva di stare a realizzarla. Ma quelli sono pesci piccoli, chi glielo fa fare al supereore con la mantellina nera di correre dietro ai progettisti/esecutori, quando può avere fama mondial sparando sugli scienziatoni?

essere disgustoso* ha detto...

Oltre a tutte queste considerazioni (la gente è morta per le case crollate: omocidio colposo per la CGR e 6 anni dicarcere = genocidio per i costruttori delle case di sabbia e sedia elettrica previa castrazione chimica) questa sentenza ha creato un precedente grave, e adesso tutti i tecnici si cagano addosso e danno allarmi su allarmi, come l'alluvione su Roma il mese scorso o in Liguria qualche settimana fa, che non ci sono state.
Ovvero, a forza di dare allarmi nessuno ci crederà più, rendendoli inutili.
Adesso a fare le riunioni sugli sciami sismici ci andassero i giudici de L'Aquila.