giovedì 2 gennaio 2014

La Tragedia Non Sfruttata

Buon anno ai 4 aficionados!

Parliamo di Schumi:

Sappiamo tutti che è caduto sugli sci e adesso sta più di là che di qua. Casco sfondato su una roccia e qualcuno parla di sfortuna.

Io guardo il posto in cui è caduto e...

Facciamo un passo indietro. Come dicevo nel post precedente io sono un grande appassionato di sci: ho imparato a sciare a 4 anno, ho messo gli sci ai piedi a mia figlia quando aveva 3 anni e 11 mesi, ho trasmesso la passione a mia moglie che ha iniziato a sciare da adulta, sono andato su tutte le piste di Coppa del Mondo dell'arco alpino (con punte anche nei Paesi dell'Est e in Bavaria), mio padre a 75 anni scia ancora.

Ho girato moltissime piste, moltissimi luoghi sciistici e ho sempre notato la stessa cosa. Quella cosa che si vede anche dall'immagine linkata:

Solo in Italia teniamo le piste come un biliardo, mettiamo cartelli segnalatori ad ogni bivio e ad ogni curva, poniamo le reti di protezione in ogni punto pericoloso e poniamo dei respingenti ad ogni ostacolo presente in pista (o a bordo pista).

Perché cazzo, anche di fronte ad una tragedia del genere, non facciamo osservare al Mondo che una cosa del genere a Cortina, come a Bormio o Selva di Val Gardena non sarebbe mai successa?

Noi siamo il Paese dei conti a puttane, di un guru ciarlatano spalleggiato da 4 saltimbanchi che ci obbliga a spendere un sacco di soldini grazie ad un sistema giudiziario medioevale e delle leggi fantasia, per una volta possiamo bacchettare tutti dicendo così non si fa, da noi una tragedia simile non sarebbe mai potuta accadere,  solo i pirla che vanno fuori pista con la neve appena caduta e le temperature alte ci lasciano le penne oppure i deficienti che travolgono le persone in pista schizzando a velocità che non riescono a controllare, cosa facciamo?

Ce ne stiamo zitti e mandiamo le bandiere, mentre il resto d'Europa banchetta come gli avvoltoi ad ogni tragedia che capita nella Terra dei Cachi...

Dovremmo portare la tragedia di Schumacher come uno spot, urlare al Mondo che qui non sarebbe mai successa... ed invece storia da Libro Cuore di ragazzino che passa il Capodanno a vegliare al freddo e al gelo il corpo del suo eroe!

Il marketing dello Stato Italiota è sempre il migliore!

5 commenti:

Them ha detto...

Punto per Attila!
Io non scio e non posso fare confronti. La cosa che mi salta agli occhi vedendo quella pietraia è che, se hai fatto la fatica di piallare una montagna dagli alberi, anche dare una fresata alle rocce più grandi e aguzze non sarebbe stata una brutta idea.

Attila ha detto...

Di solito si mettono delle semplici reti di contenimento che vanno a dividere le zone pericolose dalla pista, in quanto si tende a lasciare la situazione paesaggistico/orografica meno mutata possibile. Qui in Italia si fa normalmente, in altri Paesi solo in occasione delle gare di Coppa del Mondo o di Coppa Europa...

Ma "loro" sono più progrediti...

bionda84 ha detto...

Hai ragione, è venuto in mente anche a me. Schumacher non ha fatto niente di strano, semplicemente ha tagliato nel raccordo tra due piste, solo che qui da noi i raccordi o sono agibili =niente rocce nascoste, o ci son le reti a chiudere.
All'estero (Svizzera inclusa) no. E lo stato delle piste è COMPLESSIVAMENTE molto peggio, sassi, gobbe, neanche da mettere con le piste in Italia.

Lugh ha detto...

Non c'entra un cazzo, ma hai dato un'occhiata ultimamente agli sbroccati linkati in fondo al tuo blog?

http://infoliberaevera.blogspot.it/2014/01/litalia-e-avanti-anni-luce.html

Attila ha detto...

Vedi Anna e, mentre gli altri Paesi speculano sulle tragedie Italiane (vedi il caso Concordia...), noi tutti a fare le fiaccolate etc e nessuno che prenda al balzo l'occasione commerciale!

Lugh: Quel ragazzo è un genio! Peccato che a causa del lavoro non riesca a seguirlo con costanza!