domenica 3 aprile 2016

Piccola ipocrisia tedesca

Guardate il cartellone a sinistra, è una campagna contro la violenza sulle ragazzine che, meritoriamente, stanno portando avanti in Germania. È da almeno due mesi che lo trovo in ogni città e, ogni volta, mi rimane una certa perplessità dopo averlo visto.

La ragazzina ritratta, di che nazionalità può sembrare? Che tipo di vestiario porta? Tratti somatici?

Ad azzardare potrebbe trattarsi di peruviana o, comunque, di qualcuno di origine andina.

Mi sfugge in questo momento il tasso di violenza sulle ragazzine nella regione andina, ma so di per certo che il fenomeno delle spose bambine riguarda tutto il medio oriente e una parte dell'Africa subsaariana , la quale ha anche il primato dell'infibulazione assieme al Corno d'Africa. Però tutti questi Paesi sono... esatto! E magari mettere una ragazzina con il velo avrebbe fatto arrabbiare quelli che hanno una religione troppo di Pace.

2 commenti:

Raphael Pallavicini ha detto...

Com'è che tutti i membri del defunto SturmoEDrango finiscono in tedeschia?

Tu ad Amburgo, Uriel a Düsseldorf.....

Attila ha detto...

No,io sono qui solo per un periodo limitato... non riuscirei a pensare di passare il resto della vita a parlare una lingua impossibile come il tedesco. In pratica da maggio dello scorso anno faccio il consulente di una azienda tedesca qui in Germania, in attesa che il dipartimento sviluppo acquisisca una massa critica di edifici in Italia (mercato principale ) e in Croazia, Slovenia e Serbia (mercati secondari).

Probabilmente quest'estate sono di ritorno nella Penisola.

Tra l'altro in Germania sto girando molto e non ho una sede fissa (con periodo anche in Polonia)