lunedì 4 ottobre 2010

Soddisfazioni e Preoccupazioni

E' già da 3 weekend che quando la Piccolina viene imbragata sul Trattore chiede Highway To Hell degli AC / DC, anzi, la pretende, in loop. Ha iniziato quando con la Dolce Metà stavo andando a prendere l'aereo per In culo al Mondo part 2, visto che non voleva stare buona in nessun modo, ho messo su Highway To Hell e lei ha iniziato a ridere e a fare Tatatà a tempo. Bene, lo stesso giorno, al ritorno dall'aeroporto, guidando il Trattore, la Dolce Metà ha dovuto lasciare su Highway to Hell in loop per tutto il viaggio, facendosi quasi venire un esaurimento nervoso.
Ad oggi, quando la Piccolina monta sul trattore non si può far altro che sentire Highway to Hell, o in alternativa, ma con meno frequenza (si stufa e pretende Tatatà - Highway to Hell) TNT (dove lei urla "oi") oppure Thunderstruck (dove lei ha imparato a fare Ahaoahaoahao Thunder - vi giuro che, a meno di 17 mesi, urla Thunder per davvero -).
Se io dico Highway to Hell, la Piccolina inizia con il Tatatà (che sarebbe la sua versione dell'intro) e tira fuori un sorrisone a tutti i denti al momento disponibili.
Durante la seconda strofa, lei sa perfettamente il momento in cui dire Hey Mama, look at me (certo il look at me sembra più un totemì) rivolgendosi alla Dolce Metà.
Potete capire che questa è una grande soddisfazione per il suo papà, insomma, cazzo, la Piccolina si addormenta con Highway to Hell, non so se mi spiego.

D'altra parte mi spaventa una cosa: io ho sempre ritenuto la musica un fatto molto personale. Moltissima della musica che amo è tale perchè frutto di un determinato momento della mia vita, sennò non si spiegherebbe perchè adori U can't touch this e The Number of the Beast, oppure Pump Up the Jam e Love is Stronger than Pride, The March of the Black Queen e Mr Vain, 18&Life e Papa don't Preach, Epic e Wicked Game, I'm going down e Wishing Well giusto per citarne alcune, tanto da non avere una canzone preferita o un artista preferito.
Ecco, io non vorrei che mia figlia diventasse una di quelle persone tristissime che ha come gusti musicali gli stessi dei genitori (sul fatto di essere interista, purtroppo per lei, non si discute, è ormai una tradizione di famiglia, o meglio una maledizione del faraone, per cui deve mettersela via, volente o nolente), vorrei che fosse libera di maturare i propri gusti, libera dalla mia collezione di cd (ne parlerò un giorno o l'altro).
Io ho apprezzato moltissimo quando ho scoperto nel 1993, che l'Ingegnere mi aveva fregato le due registrazioni che avevo fatto in musicassetta del bootleg dei Guns 'n Roses Banzai (ho a tutt'oggi il cd originale) e se lo sentiva ogni giorno sia all'andata che al ritorno dal lavoro. Insomma, per un ultracinquantenne dirigente d'azienda era una cosa un tantino strana tenere nell'ammiraglia le cassette registrate (sì, all'epoca non c'erano i lettori cd da macchina di serie, forse stavano appena entrando nel mercato, ma ti occupavano mezzo bagagliaio) di qualcosa che veniva ascoltato dai pargoli con i capelli lunghi e le camice a quadri di flanella. Quando vado in una splendida località sciistica austriaca non lontana dall'Azure River, non riesco a fare la strada in salita senza pensare a November Rain con tanto di intro chilometrica eseguita con il piano dal sig. Rose, come facevo all'epoca durante molti sabati/domeniche invernali.

Sono sempre i due cazzo di lati della stessa cazzo di medaglia, come cantavano i Poison: "Every Rose Has its Thorne, just like every Night has its Dawn, just like every Cowboy sings his sad sad Song..."

17 commenti:

SCIUSCIA ha detto...

Giustamente, dovevi sciupare un bel post citando i Poison alla fine.

Attila ha detto...

Dai, che Open Up to Say... Ahh! ce l'hanno avuto tutti, anche se adesso negherebbero sotto tortura!

SCIUSCIA ha detto...

Pfffffffffft se ci mettiamo a fare la lista dei dischi che negherò sempre di possedere... facciamo notte ahahhaha!

Attila ha detto...

Eppoi Every Rose Has Its Thorne stracciava le mutande delle ragazzine anche più di I remember You degli Skid Row!

SCIUSCIA ha detto...

Pezzi stracciamutande di ragazzine. Fottuti pezzi simili. Ecco cosa manca a questi dannati "rocker" moderni!

Ma sai che ho un'amico che si è scopato una sua amica solo perché lei gli aveva detto "Ad uno che mi si presentasse a casa, chitarra al collo, e mi suonasse senza dire altro Unforgiven, gliela darei seduta stante solo per quello!".
Ah, l'importanza della parola data!

Attila ha detto...

Soprattutto avere amiche che mantengono la parola e studiarsi bene gli accordi!!!

Ahahahahahaha

Basta Con La Droga ha detto...

"Open Up And Say Ahh!" è un gran bel disco di rock & roll anni '80, "Fallen Angel" spacca. Chi dice il contrario si spara le pose. E lo fa consapevolmente.

Yossarian ha detto...

Insomma, per un ultracinquantenne dirigente d'azienda era una cosa un tantino strana tenere nell'ammiraglia le cassette registrate (sì, all'epoca non c'erano i lettori cd da macchina di serie, forse stavano appena entrando nel mercato, ma ti occupavano mezzo bagagliaio) di qualcosa che veniva ascoltato dai pargoli con i capelli lunghi e le camice a quadri di flanella

Be' mica tanto Attila; mia madre ha l'eta' di Charlie Watts e le piacciono gli Stones.

Anche i Guns le piacevano.

Credo che dalla generazione che ha l'eta' di mia madre in poi, le differenze musicali fra genitori e figli siano molto meno marcate.

Fra mia madre e mia nonna c'era un abisso, per esempio.

Comunque come regola, quando ai genitori comincia a piacere la musica dei figli, c'e' qualcosa che non funziona nel rock'n'roll di quel momento...

;-)

SCIUSCIA ha detto...

Yoss, semmai il contrario, no?

BiondAnna ha detto...

A parte che se continui a descrivermi la piccolina così, va a finire che te la rapisco... Credo che almeno una porzione dei gusti musicali dei genitori finisca ai figli. Io ho preso i Beatles e Mina (mi ha detto culo, lo so) e molte altre manie le ho prese da mia sorella. Ma è verissimo che se ascolti musica di venti e trenta anni fa, c'è qualcosa che non va nella musica di adesso.

Tom ha detto...

fenomenale!

Single a trent'anni ha detto...

Detta tra noi Attila, non è possibile che i tuoi gusti non passino per osmosi alla piccola. E' normale cosi', è financo giusto cosi'.

La nana di cui ti ho parlato viene massacrata continuamente a colpi di Gianna Nannini, e difatti sa tutte le canzoni a memoria.

Io da piccolino sono stato violentato: a 5 anni i miei compagnetti ascoltavano "fivelandia", mio zio mi ha trapanato le orecchie a colpi di Yes, Styx, Alan Parsons, Kiss e Queen.

Tranquillo, ti viene su normale.

:)

sa30a

Benbow....I suppose? ha detto...

io esigo che i miei gusti musicali passino ai miei figli, come potrei altrimenti preservarli dai negromba rappettari, dagli Scanu, dai Giggggi D'Alessio? Non lo potrei sopportare. Si fa presto a fare gli splendidi se invece di "The Numer Of The Beast" tuo figlio si dà ai Police o a Eric Clapton, ma se ti inforca i Negramaro? Stiamo scherzando!
La toplist del mio grande (2 anni e mezzo) attualmente prevede: "Hells Bells", "Girls Girls Girls" e "Renegade" (con gli Hammerfall si va un po' sul trash, lo so, ma probabilmente deve essere il rombo di moto all'inizio).
Detto questo: "Open Up...And Say Ahhh" spacca, e "Every Rose" è la più grande ballad stracciamutande di tutti i tempi, non ce n'è né per i Guns né per bel faccino Seb Bach.

Ares ha detto...

Mia nipote (16 mesi) appena mi vede dice "chitarra" (o una cosa simile) e si diverte a giocare cone le mie chitarre...ascolta i Pink Floyd, James Taylor, Queen, Rolling Stones e tanto altro.
Il fatto di aver citato The March Of The Black Queen rende questo post uno dei migliori di ogni epoca (anche se i Poison, davvero, te li potevi risparmiare).

Saluti

LateThink ha detto...

Mia moglie è una accanita melomane. Una sera, su Sky Classica, trasmettevano l'Otello e la piccola grande (4 anni e mezzo) era seduta a fianco di sua madre. Ad un tratto si è messa a cantare "Garbibaldi fu ferito/fu ferito ad una gamba/...".

Io ho rantolato dal ridere per un quarto d'ora.

leftheleft ha detto...

sei il maestro dell'amarcord futurista.

captcha= exest

essere disgustoso* ha detto...

U can't touch this è un pezzaccio e guai a chi lo tocca.

non esistono generi musicali di merda, no.
la musica di merda, invece, sì.