martedì 31 agosto 2010

Fascino

Domenica sera ero in una nota località turistica dell'Alto Adriatico che può essere definita ad alta gradazione di vita serale con Dolce Metà e Piccolina, diversa dalla nota località turistica adatta ai bimbi con bassa gradazione di vita serale in cui siamo usi andare negli ultimi tempi (dove ho anche la casa al mare e il motoscafino, perchè l'Ingegnere e la Maestra sono innamorati di quel posto e sta a soli 20 km dalle rispettive abitazioni sull'Azure River).

Premettiamo 2 cose: la prima è che non porto la fede al dito, non perchè non voglia dimostrare di essere sposato (sono più fedele di un San Bernardo, mi manca solo la fiaschetta di cordiale a tracolla...), ma perchè ho visto troppa gente perdere dita sul posto di lavoro per quel cazzo di anellino di merda; la seconda è che, la domenica sera, se siamo fuori, ceniamo tutti e 3 a gelato (ovviamente gelato naturale allo yogurt per la Piccolina, mentre farcito per i più adulti, che tanto poi siamo in palestra tutti e due durante la settimana), facendo a turni, io e la Dolce Metà, nel mangiare il gelato, perchè, mentre uno mangia, l'altro nutre la belva o la intrattiene.

Insomma, eravamo seduti presso i tavolini del bar all'aperto e, visto che io sono più veloce ad ingurgitare cibo, il primo turno nutrizionale è della Dolce Metà, mentre io imbocco la Piccolina. Orbene, avevo scordato un particolare, la Dolce Metà non è proprio una scheggia con il cucchiaino del gelato, insomma, riesce a farlo durare più di 1 ora, contro i miei 3 minuti e 40 secondi netti cronometrati e anche la Piccolina, con i suoi 18 mesi scarsi, è più veloce.

La Piccolina ha una passione gagliarda per il gelato, per cui non occorre nemmeno il bavaglino quando la si imbocca, tanto non si sporca quasi nemmeno le labbra, tanto ne va ghiotta. Morale: dopo circa 10 minuti finiva la sua porzione. A quel punto cominciava a reclamare la sua libertà, che consisteva nel andare raminghi per la zona pedonale verso qualsiasi cosa assomigliasse ad un sasso, ad una fontana o a qualcosa che facesse un moderato casino.

A questo punto arrivava il mio turno al gelato e la Dolce Metà, appena ad un quarto del suo, si alzava e portava la belva presso la fontana poco distante, giusto per lasciare a me i 3 minuti e 40 secondi netti da dedicare alla nutrizione. Puntualmente tornavano dopo 3 minuti e 42 secondi, lasciandomi anche lo spazio per la digestione... (per chi non lo avesse capito, è ironia)

A quel punto la Piccolina era tutta sotto la mia custodia per i successivi 45 minuti.

Ehm, c'è un altro particolare di cui non ho fatto menzione, la nota località turistica è meta di vacanzieri sia nordeuropei che esteuropei ed ovviamente anche di vacanziere (insomma con 2 cose in più ed una di meno, non è che devo fare il disegnino, vero?).

Ora, la Piccolina, oltre che camminare cercando sassi, fontane e cose che fanno casino, è usa piantare gli occhioni blu e indicare le persone che la colpiscono con un "ghhh" atto ad attrarre l'attenzione e sappiamo benissimo che le giovini fanciulle del nord e dell'est vestono (per quel poco che mettono addosso) quasi esclusivamente di colori sgargianti o di bianco.

Bene, dopo aver raggiunto la fontana di cui sopra, iniziava ad indicare come una forsennata gruppi di fanciulle poco vestite, accennando anche ad un "ciao ciao" con tanto di manina e queste, rispondevano, per fortuna fuori dalla vista della Dolce Metà che mi avrebbe crocifisso in area pedonale istantaneamente se avesse assistito.

Insomma, non ho mai abbordato tante pollastre discinte in meno di 40 minuti (ricordate che ne avevo 45 a disposizione prima di venire scotennato in caso di sbagliato tempismo) come Domenica sera.

Tutti dicono che il padre single ha molto appeal e cazzi e mazzi, io non ci avevo creduto mai per un cazzo, invece mi sbagliavo, davvero, sarebbe stato veramente facile l'altra sera avere un appuntamento con una qualsiasi delle tizie fermate dalla Piccolina, non scherzo manco per niente.

Cioè, capitemi, per 40 minuti ho vissuto il sogno di ogni stracazzo di ventenne, tutto perchè la Piccolina indicava le pollastre e faceva loro i sorrisoni...

Ovviamente, ogni giuoco è bello quando dura poco, per cui, dopo 44 minuti e 30 secondi, tornavamo dalla Dolce Metà. Che l'orologio è fondamentale nella vita ed il tempo è tutto fuorchè relativo!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Si, succedeva anche a me quando giravo con la femmina. Ma attenzione: non ha funzionato manco per il cazzo girando con il maschio. Pantagruelici pezzi di sgnacchera che mi cagavano giusto il tempo di chiedere quanti mesi avesse e poi giù a sbrodolare sul gigione malefico. Che poi mi guardava di sottecchi come a percularmi, pure.

rdv

SCIUSCIA ha detto...

Quoto questo qua sopra, la femmina riporta di più.

DOMANDA: come cazzo si fa a perdere le dita lavorando con computer, carta e penna..?

leftheleft ha detto...

Cioè, capitemi, per 40 minuti ho vissuto il sogno di ogni stracazzo di ventenne
--------------------

eppoi ti sei svegliato

ps. captcha = conad
pubblicità occulta o velato accenno al fatto che i miei commenti fanno vomitare?

Single a trent'anni ha detto...

Io ho avuto per UN MINUTO a disposizione una nana di 5 anni, che mi sono caricato su una spalla (avendole larghe, ne occupa solo una grazie a Dio) nel pur breve percorso dall'ombrellone alla riva.

In quel minuto scarso, complice gli sguardi beati che una nana lanciava al mondo visto da una prospettiva un metro e ottantacinque più alta, ho ricevuto più sguardi sognanti dalle donne che in trentaquattro anni di vita.

Maremma trogola. Ma conosci un posto dove le noleggiano?

sa30a

essere disgustoso* ha detto...

più o meno quello che succede con un cucciolo di pastore tedesco.
anche le suore si fermavano per attaccare bottone.

ettoregonzaga ha detto...

Dal numero di parole che hai usato, ho la sensazione che ti sei sentito terribilmente in colpa.
Se è per darti una mano, ed alleggerire la tua coscienza, mi metto a completa disposizione per accompagnare la piccola intanto che mangiate il gelato ;)

Con la 'piccolina' che ho avuto a disposizione fino ad ora, non posso più. Si avvicinano solo bulletti adolescenti con brufoli. (la mia nipotina adesso ha 14 anni!)

Consiglio ai single con nipotina al seguito:
Portarle a spasso solo per rimorchiare. Una volta rimorchiato sono dannose: potrebbero dire "... l'altra zia dello zio ha un cane bellissimo ...".

ettoregonzaga

Attila ha detto...

@rdv: Cioè mi suggerisci di mettere in cantiere un'altra femmina? E tra qualche anno chi regge lo stress da accerchiamento?

;-)

@SCIUSCIA: Io, nel mio bel lavoretto, in qualche posto pieno di macchinari dove si possono perdere le dita devo fare la mia porca figura... non c'è solo computer e cartaccia nella mia vita lavorativa.

@Left: ssshht... che mi hanno assunto a scrivere dei testi un po' più sagaci per la Litizzetto durante le pubblicità...

@Single: devi chiedere un nolleggio brevissimo, perchè poi, dopo i primi 20 secondi di approccio, tireranno come forsennate verso un imprecisato punto troppo distante dalle tizie abbordate in precedenza!

@ED*: Con i cani si abborda alla grande, soprattutto in città, quello è garantito, ma sempre meno che con un pargolo tra le braccia...

@Ettore: hai ragione, il senso di colpa e la coda di paglia sono delle evidenze indiscutibili... per me è più pericoloso che inizi a dire cose tipo "bea tata" o simili davanti alla Dolce Metà per indicare le donzelle incontrate, potrei andare incontro a situazioni tipo famiglia Bobbit, non so se ho reso l'idea.

Anonimo ha detto...

Lungi da me, riferivo solo la mia esperienza. Che sono già messo male con una mamma, una moglie ed una figlia.

rdv