venerdì 12 settembre 2008

Carfagnana

Ok, la Carfagna, che secondo alcuni è lì perchè è molto abile nei compiti orali, ma obiettivamente a me non me ne frega un cazzo perchè sta lì, ma c'ha davvero un bel culo, anche se adesso con i capelli corti fa meno sesso di quando li aveva lunghi e scalava le pareti, ha fatto la sua bella proposta di legge.

Tutti a dire che non è giusto che si reintroduce il reato di prostituzione cancellato dalla Merlin, che sarebbe più giusto fare qualsiasi altra cosa meno quella proposta (oddio, se rimostrasse il culo durante una seduta del parlamento, credo che il canale che mostra tutte le sedute di camera e senato raggiungerebbe uno share tipo finale mondiale in cui giuoca la nazionale).

Io penso 2 cose (oddio, pensare è una parola forte per me, soprattutto in questi giorni, in cui viaggio come una trottola e non dormo un cazzo):

1. Tirar via un po' di troie dalle strade non fa male, anche perchè lasciano un bordello per strada quando smettono i fuochi notturni ed è pericoloso quando gli elargitori di denaro in cambio di prodotti naturali inchiodano saltando 2 corsie perchè hanno visto le tette di una nigeriana o la coscia modello pilone di viadotto di una moldava. In ogni caso sono sicuro che non riusciranno mai a debellare il fenomeno stradale, perchè il camionista turco che vuole farsi la sbattutina tra un carico e l'altro, non troverà mai posto per il camion vicino a un appartamento, a meno che non sia dotato di ampio parcheggio e di sosta veicoli pesanti.

2. Partendo dal presupposto che a me la locuzione "casa chiusa" ha sempre fatto ridere, il concetto di "riaprire le case chiuse", fa ancora più sbellicare. In ogni caso sono convinto che i troiai devono essere riaperti. Detto questo sono convinto che anche se i puttanai diventassero leciti, con tanto di pagamento di tasse, le troie rimarrebbero sulle strade, perchè quelle + convenienti sono quelle clandestine e destinate al camionista di cui sopra, sfruttate e tutto il resto.
Se fossero riaperti i bordelli cosa succederebbe? Ve lo dico. I preti romperebbero un po' sul mercimonio, ma sanno benissimo che è meglio avere una pagata, con contributi, etc. che non una sotto sfruttatori, con la possibilità di essere rapinata, stuprata, etc. in più, se non gli tolgono l'8permille sono contenti. Chi non la finirebbe + sono le protofemministe, che tutte le battaglie per la donna mai come merce, ma noi c'abbiamo il cervello, l'utero è mio, io c'ho le palle, e cazzate varie. Ho l'immagine di queste che si incatenano davanti a bordelli, che urlano come deficienti che non è giusto, che si torna indietro e cazzate varie.

(Passiamo alla parte autobiografica, per chi non vuole rompimenti di palle, saltatela)

Io sono un di quei pervetiti a cui piace più la fase di approccio all'altro sesso, rispetto a quando si va al sodo (non che andare al sodo non mi dispiaccia, figuriamoci, però...). Non riesco a pensare di andare da una a dirle ecco il grano: sbattimela lì o fammi un pompino. Negli anni 90 andavo anche io alla caccia delle strafatte di ecstasi per sbattermele in discoteca, però anche lì c'era l'alea, potevano dirti di no (raro, di solito c'era il rischio che te la trovassi sopra in fase post effetto, tipo cadavere, mentre era davvero figo quando erano nella fase in cui ti sembrava di averlo dentro a una avatrice con la centrifuga a 900 giri) oppure tu essere troppo ubriaco da non capire come si faceva a slacciare la sua mutanda oppure vomitarle addosso (sono solo esempi.. ehm...). Sono un cazzo di romanticone di merda, lo so, come Jim Carey in The Mask, ma sono fatto così.
Ovviamente adesso sono oltre a qualsiasi fase (mi sto salvando il culo nel caso la Dolce Metà stia leggendo questo n.d.r.), in quanto se solo mi azzardo a guardare per sbaglio una manza sento il rumore delle forbici della Dolce Metà (zinn.. zinn...) e vedo un ombra affilata che punta al mio inguine.

Comunque se la Carfagna rifacesse un bel calendario di quelli che sa fare lei tornado a scalare le pareti per spiegare la sua riforma, riuscirebbe a superare il gradimento del Brunetta... garantito.

Oggi mi sentivo politologo, Folli mi fa una sega...

2 commenti:

Admiral Benbow ha detto...

La Carfagna e la Brambilla ministre...quando si dice che la realtà supera la fantasia. Uno straccio di ministero senza portafoglio a Tinto Brass mi parrebbe il minimo. Sai che case chiuse poi ... saloni spalancati!

Che dire, la Carfagna il proprio corpo per soldi l'ha venduto, certo non era prostituzione, però...

Attila ha detto...

Secondo me sia la Carfagna che la Brambilla non hanno il portafoglio è perchè non sanno dove metterlo (nella giarrettiera della Bramb o nella rete da pesca della Carf, però...).

Spezzo un (volgarismo) a favore della Carfagna: immagina di fare un consiglio dei ministri con la Bindi che accavalla le gambe (probabilmente nemmeno Rodriguez riesce a immaginare una scena più gore e pulp assieme) e via di alcaselzer; poi pensa di fare un consiglio dei ministri con la Carfagna che ogni tanto si aggiusta il balconcino... roba da approvare tutto in 10 minuti per andare al bar e brindare a Jeger...

No è Rocco che deve diventare Ministro della Difesa... così per la Polonia non ci sarà più scampo!